Farmacia Martinelli
Al servizio della tua salute con il sorriso e professionalità, specializzati in fitoterapia ed omeopatia.
Seguici su Facebook
+ (39) 010 503 945
+ (39) 010 503 945 Chiama in Farmacia
Seguici su Facebook
Title Image

Promo, Eventi e News

Home  /  Promo, Eventi e News

Il Benessere che Conviene!

Attraverso questa sezione è possibile consultare l’elenco delle offerte attive in Farmacia.

  • Les Maisons Des Essence Profumi
  • * NOVITA'
    La linea di profumeria per Farmacie per uomo e donna; scopri tutta la qualità e la piacevolezza delle fragranze.
  • Promo Aboca
  • * NOVITA'
    Festeggiamo insieme: SCEGLI 3 PRODOTTI, 1 TE LO REGALIAMO NOI (il prodotto meno caro)
  • Biosynex Autotest COVID- 19
  • 19,90
    Facile, rapido, lo fai a casa!

AVVISO IMPORTANTE

da lunedì 14/06 è attivo il Punto Vaccinale Territoriale presso il Municipo Bassa Val Bisagno , Piazza Manzoni 1.

Il Punto Vaccinale è aperto nei giorni di Lunedì dalle 13,30 alle 15,30, martedì e giovedì dalle 13,30 alle 18,00.

E' gestito da 5 farmacie del quartiere Farmacia Martinelli, Farmacia Scanavino, Farmacia Ormea, Farmacia Popolare, Farmacia Imperiale.

La vaccianzione è prenotabile in ciascuna farmacia o sul portale www.prenotovaccino.regione.liguria.it

News dal Mondo Salute

In questa sezione troverete tanti articoli riguardanti le ultime novità del settore farmaceutico e tutte le news sulla salute, il benessere e la cura della persona!

Covid: tutto sul molnupiravir

L'antivirale che dimezza i rischi di ricovero

Il molnupiravir, farmaco antivirale della Merck inizialmente sviluppato per combattere l’influenza stagionale, ha dato ottimi risultati nei trial di fase 3 della sperimentazione come terapia anticovid: lo afferma la stessa Merck in un comunicato stampa che però, è importante sottolinearlo, non è supportato da studi esterni all’azienda. Il farmaco, che va assunto alla comparsa dei primi sintomi del covid per cinque giorni due volte al dì, si è mostrato altamente efficace nel ridurre i rischi di ricovero e di morte, e sembra funzionare anche contro le varianti gamma, delta e mu.

Rischi dimezzati. Ciò che emerge dal trial, condotto su un gruppo di 775 pazienti non vaccinati e con almeno un fattore di rischio di covid grave, è che l’assunzione del molnupiravir dimezzerebbe le probabilità di venire ricoverati in ospedale, e ridurrebbe anche i decessi. Nel gruppo di controllo (dove nessun paziente aveva assunto il farmaco) sono stati infatti registrati 53 ricoveri e 8 morti, contro i 28 ricoveri e zero decessi del gruppo di pazienti sottoposto alla terapia antivirale.

Piedi e caviglie

I benefici dello yoga

Lo Yoga è una pratica i cui benefici psico-fisici sono generalmente noti, compresi quelli che riguardano le articolazioni. Anche i piedi e le caviglie – come tutte le altre articolazioni del corpo – vanno allenati correttamente per restare in salute, in particolare dopo un eventuale trauma, una lesione o un intervento, così da poter recuperare tutte le loro funzioni. Ne parliamo con il dottor Federico Usuelli, responsabile Ortopedia della Caviglia e del Piede di Humanitas San Pio X.

Un esercizio per piedi, caviglie e polpacci

Praticare alcune posizioni dello yoga può aiutare a sviluppare la propriocettività ovvero la capacità di percepire il corpo nello spazio e permetterne il movimento grazie a sensori che risiedono proprio nel piede. Vediamo insieme un esercizio molto semplice, che contribuisce all’allenamento non solo di piedi e caviglie, ma anche dei polpacci. Porsi in piedi su un tappetino e chinarsi in avanti e appoggiare a terra le mani, mantenendo i piedi perfettamente allineati con le mani e i talloni ancorati a terra. A questo punto, ci si dovrà poi chinare in avanti e cercare di portare la testa vicino alle ginocchia. Le mani dovranno quindi arrivare a prendere gli alluci, cercando di tirare.

Epicondilite

Una patologia temuta da chi scrive al computer

L’epicondilalgia omerale, detta epicondilite o gergalmente gomito del tennista, è una tendinopatia, ovvero un processo degenerativo dei tendini estensori del polso. Questo succede perché i tendini, ovvero le fibre che fissano i muscoli alle ossa, si infiammano a causa di microtraumi ripetuti, perdono elasticità limitando il movimento e/o causando dolore durante l’uso di polso e gomito. Trattandosi di un disagio che può diventare cronico, l’epicondilite va presa per tempo se non si vuole essere costretti a interrompere le attività che l’hanno provocata. Ma quali sono queste attività? Ed è vero che, come suggerirebbe il nome, questo problema interesserebbe principalmente i tennisti e gli sportivi in generale? Scopriamolo insieme!

Ogni anno l’epicondilite affligge dall’1 al 3% della popolazione italiana. Questo perché la sua principale causa è lo scorretto uso dell’articolazione, condizione che si verifica facilmente negli individui che mantengono il gomito per lungo tempo in una posizione forzata, come nel caso di pianisti, barbieri e parrucchieri, meccanici, camerieri, ma anche coloro che lavorano sulla tastiera del computer. L’epicondilite è quindi una malattia molto comune che non riguarda solo i tennisti, ma persone tra i 25 e i 60 anni il cui stile di vita può condurre a microtraumi ripetuti all’articolazione, sovraccarico infiammatorio da flessioni e rotazioni errate del braccio e del polso.

Nuove linee guida sulla qualità dell'aria

Rilasciate dall’OMS

L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS/WHO) ha pubblicato le nuove linee guida sulla qualità dell’aria (WHO global air quality guidelines 2021), che rivedono al ribasso le concentrazioni che i principali inquinanti atmosferici non devono superare, al fine di tutelare la salute umana. Lungamente attese (le precedenti sono del 2005), le indicazioni fanno tesoro degli ultimi 15 anni di studi, durante i quali è emerso con chiarezza che l’inquinamento dell’aria è molto più nocivo di quanto si pensasse, anche a livelli parecchio più bassi di quelli ritenuti pericolosi all’inizio degli anni Duemila.

Le stime dell’OMS parlano di 7 milioni di morti all’anno, che rendono i danni legati allo smog paragonabili a quelli del fumo di sigaretta. In particolare, si legge nel documento, «ci sono prove molto forti di una relazione causale fra l’esposizione alle polveri PM2,5 e un aumento della mortalità per tutte le cause e del rischio di sviluppare infezioni respiratorie, malattie polmonari croniche, infarto, cancro del polmone e ictus. Inoltre, un numero crescente di studi indica una relazione con il diabete di tipo 2, la mortalità neonatale, il basso peso alla nascita e i parti pre-termine. L’inquinamento dell’aria potrebbe anche aumentare l’incidenza di un gran numero di altre malattie, fra cui il morbo di Alzheimer e le malattie neurologiche».